ocupação

ocupação del 2 febbraio 2013 guarda la galleria

Podem roubar minha vid … nunca o meu sonho

Un gruppo di indios brasiliani, appartenenti a diversi gruppi etnici provenienti da tutto il paese, ha occupato, dall’ottobre del 2006, un vecchio edificio coloniale abbandonato che aveva ospitato l’antico Museo Indios fino al 1977, quando il museo fu trasferito nella sede attuale, nel quartier di Botafogo.

Con la ristrutturazione del vicino stadio Maracanà, la Prefettura di Rio ha cercato di sgomberare l’edificio perché il museo si trova in un’area su cui sorgeranno, secondo il progetto, un grande centro commerciale e ricreativo e un parcheggio.

Gli indios si rifiutano di abbandonare questo edificio storico perché vi vogliono creare la prima università indigena in Brasile ed inscenano continue proteste e portano avanti occupazioni anche di edifici adiacenti con i loro abiti tradizionali.

Nel corso di queste occupazioni, alcuni vorrebbero agire in modo legale (il capo degli indios) altri invece preferirebbero portare avanti con la forza le proprie istanze.